MARINO HA RINNOVATO LA FRATERNA AMICIZIA CON ASSISI E CORTONA “UN GIORNO DI FESTA FIRMATO JACOPA” TOCCANTE CERIMONIA A PALAZZO COLONNA ALLA PRESENZA DI UN FOLTO PUBBLICO

Si è svolta nel pomeriggio di sabato 28 ottobre 2017 la Cerimonia per il Rinnovo della Fraterna amicizia con i Comuni di Assisi e Cortona ai quali la città è legata in virtù di Jacopa dé Settesoli, Castellana di Marino, discepola di San Francesco.

Calorosa l’accoglienza riservata agli ospiti da parte della cittadinanza marinese. L’evento ha visto, infatti, una Sala Consiliare gremita all’inverosimile.

“E’ un onore e una gioia essere qui oggi – ha dichiarato il Sindaco di Marino Carlo Colizza – per vivere insieme questo grande momento di profonda unione tra le nostre città. A testimonianza che i legami della storia servono a farci sentire comunità e a farci crescere come tale. Ringrazio di cuore tutte le autorità istituzionali convenute, i rappresentanti della comunità francescana, le Associazioni e anche la cittadinanza che è presente in gran numero”.

Il delegato di Assisi, Consigliere Comunale Carlo Migliosi ha sottolineato come, grazie a una donna, la presidente de Lo Storico Cantiere Valeria De Luca, si sia riusciti ad arrivare a questo vincolo di amicizia tra due città, anch’esse guidate da donne: infatti sia Assisi che Cortona hanno sia il Sindaco che il Presidente del Consiglio Comunale donna. Così come importantissima è stata la testimonianza della figura di Jacopa che, da donna nobile e ricca quale era, ha saputo rinunciare a tutto per un livello più alto, sia personale che comunitario abbracciando gli insegnamenti di San Francesco e fondando l’Ordine delle terziarie francescane. “Jacopa è stata precursore di un modo di vedere il bene comune” ha concluso Migliosi.

Orgoglioso e felice di essere per la seconda volta a Marino si è dichiarato Padre Antonio di Marcantonio che in questa occasione rappresentava anche, per volontà del Sindaco Francesca Basanieri impossibilitata a partecipare e che lo ha delegato espressamente, la città di Cortona. “Esprimo il mio più vivo rammarico per non poter partecipare – si legge nella nota ufficiale di Cortona – e confermo il legame di amicizia e cortesia istituzionale che caratterizza i rapporti del Comune di Cortona con i presenti alla manifestazione con i quali auspico,altresì, di poter condividere a breve altre e sempre gradite occasioni di incontro e collaborazione”.

“Non si tratta solo di folclore e tradizione ma c’è tutta la storia con il suo aspetto sociale, i rapporti improntati al tema della spiritualità” ha detto Padre Antonio rammentando ai presenti la presenza del famoso cuscino custodito nella Chiesa di S. Francesco a Cortona sul quale egli stesso ha avviato gli studi per riconoscerne l’autenticità e quindi conservarlo come reliquia. Cuscino che, nel tempo, l’Associazione marinese ha riprodotto in ogni particolare e donato alla comunità francescana di Cortona.

Visibilmente emozionata e felice Valeria De Luca, la Presidente de Lo Storico Cantiere che ha voluto arricchire la Cerimonia facendo arrivare a palazzo Colonna gli “Ospiti della Storia”: Jacopa dé Settesoli con il figlio Giovanni, il Notaio che ha dato lettura dello Statuto firmato dalla Castellana di Marino il 31 maggio 1237. Una narratrice in costume dell’epoca ha illustrato la figura di Jacopa mentre, con un sottofondo di musica medievale, curato dal M° Mario Alberti e da Martina Nasini, una danzatrice rallegrava l’atmosfera. “Un giorno di festa firmato Jacopa” ha concluso la Presidente De Luca.

Ricordiamo che Jacopa morì in Assisi l’8 febbraio 1239 e riposa nella Basilica Inferiore di San Francesco davanti alla tomba del Santo. Una semplice scritta recita “HIC REQUIESCIT JACOPA SANCTA NOBILISQUE ROMANA”.